28 ottobre 2008

3

Revisionismo storico

...beh, i tempi mi sembrano maturi per una serena valutazione della figura di Maria Antonietta d'Asburgo-Lorena, a lungo ingiustamente vessata dalla storiografia ufficiale.
Vogliamo FINALMENTE interpretare nel modo corretto la sua uscita sul pane e le brioches? ...è ovvio che, lungi dal testimoniare ottuso disinteresse per la condizione del popolo affamato, come gli storici imbeccati dalla sinistra becera hanno fin qui voluto farci credere, questa povera Marge Simpson ante litteram intendeva invece spronare i suoi sudditi a cimentarsi in impasti lievitati più elaborati ma capaci di dare maggiori soddisfazioni! ...esattamente come ha fatto Luxus (sempre lei:*) con me! (...e lei ha ancora la testa saldamente ancorata alle spalle! ;D )


BRIOCHES SENZA UOVA di Luxus

Brioches senza uova

ingredienti:
250 gr farina manitoba
250 gr farina 00
100 gr zucchero
1 cubetto di lievito
150 gr latte tiepido
100 gr di acqua tiepida
75 gr burro morbido
4 gr di sale (1 cucchiaino da the raso)
1 bustina di vanillina

ripieno (facoltativo):
marmellata, gocce di cioccolato o uvetta (fatta rinvenire in acqua tiepida o rum)

procedimento (foto): impastare tutti gli ingredienti sino ad ottenere una palla, poi aggiungere il burro morbido ed il sale.
Lavorare con l’impastatrice per almeno 10 minuti (20 minuti se si lavora l’impasto a mano).
Far lievitare sino al raddoppio, poi dividere l’impasto in 2 palle (in 3 se si preferiscono delle briochine da mangiare in 2, max 3 bocconi;) ) e appiattire ogni palla in un disco di circa 30 cm di diametro, tagliandolo poi in 16 spicchi uguali col porzionatore o con una rotella tagliapizza.
(Per ottenere delle briochine tonde, dividere l’impasto in palline (30 o 50, a seconda delle dimensioni che volete ottenere) appiattirle col matterello, fino ad ottenere una forma allungata di 10/12 cm, distribuire sopra il ripieno scelto ed arrotolare la striscia, ripiegando poi le estremità verso il basso, in modo da dare una forma più o meno sferica).
Poggiare le briochine ben distanziate su una placca da forno rivestita con un foglio di carta da forno, poggiarci sopra un foglio di cellophane e far lievitare sino al raddoppio.
Una volta raggiunto il giusto grado di lievitazione, rimuovere delicatamente la pellicola, spennellare con una miscela di acqua e latte in parti uguali e cuocere a 180° (non ventilato) per 8-10 minuti (il mio forno ha 4 guide, io posiziono la leccarda nella seconda dall'alto, per evitare cuociano troppo sotto).
Appena cotti, vaporizzare con altra acqua e latte, sia sulla parte superiore che su quella inferiore.

Coperture alternative:
1) PRIMA della cottura: spennellare con un tuorlo sbattuto con 1 cucchiaio di latte e cospargere di granella di zucchero.
Brioches senza uova
OPPURE

2) DOPO la cottura: spennellarli mentre sono ancora caldi con uno sciroppo ottenuto facendo sciogliere in un pentolino 3 cucchiai di zucchero e 3 cucchiai d’acqua (aggiungendo un altro cucchiaio d’acqua fredda una volta tolto dal fuoco se lo sciroppo risultasse troppo denso).
Brioches senza uova

PS: su quella ...scavezzacollo di Marie Antoinette d'Asburgo-Simpson scherzavo: Liberté, Egalité, Fraternité forever!!!!:D

3 commenti:

  1. mammma mia per un attimo ho pensato che ti davi al revisionismo storico come il berlusca...ho avuto paura, per tranquillizzarmi devo mangiare 4 o 5 brioshe

    RispondiElimina
  2. ...proprio a quello mi riferivo Lo ...qua, dopo aver rivalutato la figura di Mussolini e dei repubblichini non mi sorprenderei se si cominciasse a parlar bene di Attila e degli Unni!;)

    RispondiElimina
  3. beh... povero attila, non era mica cattivo, è che lo disegnavano così... ;-)

    annuccia, le tue briochette solleticherebbero le papille a un morto!

    povero michele, prima le fai, e poi le regali. e a lui... il profumo, che perfida!

    ;-D

    tanti auguri!!!!

    :-*

    luxiedda

    RispondiElimina

...su, dai! ...non essere timido! ;)

Blog Widget by LinkWithin